Commento alla sentenza del tribunale di Milano n. 10289/2011